L’image hosting di Twitter batte tutti e la maggior parte delle immagini vengono caricate da iOS

di Redazione Commenta

Spread the love

Di servizi mediante cui effettuare l’upload delle proprie immagini in rete e condividerle, tramite short url, direttamente su Twitter ne esistono parecchi ma, stando a quanto emerso da una recente indagine condotta da Skylines, lo strumento reso disponibile direttamente dalla ben nota risorsa di microblogging sembrerebbe essere quella maggiormente utilizzata dalla vasta utenza.

L’indagine, infatti, mette in evidenza quanto i servizi di terze parti quali, ad esempio, yFrog, Instagram e Twitpic siano oramai stati battuti, e non di poco, dal servizio di image hosting reso disponibile direttamente da Twitter, così com’è anche possibile notare osservando il grafico presente ad inizio post, andando quindi a confermare i timori iniziali degli sviluppatori di tale risorse e dalla loro eventuale scarsa influenza sul mercato che, conseguenzialmente alla disponibilità di uno strumento di image hosting reso disponibile direttamente dalla risorsa di microblogging, avrebbero potuto assumere.

Dall’indagine, però, è emerso anche un altro dato particolarmente interessate: il caricamento della maggior parte delle immagini presenti su Twitter avviene mediante device mobile e, nello specifico, servendosi di BlackBerry, Android e iOS.

In particolare, allo stato attuale delle cose, i prodotti iOS sembrerebbero essere quelli più utilizzati per eseguire tale tipo di operazioni, così com’è anche possibile notare osservando l’apposito grafico sottostante.

Nel dettaglio circa il 39% degli upload fotografici su Twitter arriva direttamente da device iOS sfruttando l’applicazione ufficiale per il noto servizio di microblogging che risulta presintallata in iOS 5 e che, in meno di un mese, è riuscita ad entrare nella classifica dei 10 software maggiormente impiegati per lo sharing.

Il risultato dello studio, va però precisato, risulta basato su un campione avente un volume paria 24 milioni di immagini caricate in una sola settimana a fine Ottobre.

Il risultato dell’indagine, comunque, va a mettere in evidenza anche un altro dato particolarmente interessate: la partnership tra Twitter ed Apple sembra proprio aver portato, sin dal primo momento, ai risultati sperati.

Via | TechCrunch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>