L’Inps e i Social Network, novità dal mondo di Facebook

di Redazione Commenta

Spread the love

 

 

Negli ultimi anni è iniziata una vera e propria rivoluzione da parte dell’Istituto di Previdenza Sociale del nostro Paese. La nota Inps ha cercato di svecchiarsi e di sveltire tutti i processi burocratici e le scartoffie che si celano dietro al mondo della previdenza. Oggi sbarca anche sui social network cercando di utilizzare Facebook per potersi avvicinare ai propri clienti. Infatti, sono state già lanciate due Pagine che raccolgono circa 4000 “Mi piace”. Fra queste c’è “Riscattare la Laurea” e “Utilizzare i buoni lavoro”. In questo modo gli utenti possono porgere domande e sentire anche sui social network la presenza di un ente molto importante per il nostro Paese.

 

A breve uscirà anche una nuova pagina “Gestire il Lavoro domestico”, in modo che tutti possano comprendere meglio cosa fare nel caso di assunzione di una collaboratrice domestica. La strategia adottata dall’Inps è quella di svecchiarsi e di permettere agli utenti di avere direttamente on-line molti servizi che offrono gli sportelli dell’Ente. Questo servirà a comunicare meglio e in tempi più brevi tutte le iniziative ai clienti e a familiarizzare molto di più con gli stessi. Le due pagine già create in precedenza offrono schede tematiche, quiz interattivi, oltre alla bacheca pubblica sul quale si può scrivere e commentare. L’Ufficio Comunicazione dell’Inps ha voluto puntare ad una comunicazione tematica e non legata ad una sola grande pagina dove probabilmente i clienti sarebbero stati confusi dalle mille problematiche. Infatti, Filippo D’Angelo, funzionario informatico dell’Inps, ha spiegato che:

 

Fin dall’inizio abbiamo scartato l’ipotesi di aprire un unico profilo, dal momento che sarebbe presto diventato ingestibile per la quantità di servizi che offriamo. Abbiamo preferito invece puntare su pagine tematiche che potessero interessare soprattutto l’utenza più giovane. A volte capita di ricevere domande poco pertinenti, ma in generale molti dei messaggi pubblicati dagli utenti sono aderenti al tema delle pagine.

 
Insomma, si è deciso di puntare ad un target giovane per comunicare meglio e non per sostituire gli sportelli già esistenti. Il tutto è stato fatto per informare e per dare una maggiore chiarezza agli utenti per i quali i social network sono diventati una fonte di informazione rapida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>