Come i social media fanno opinione?

di Francesco Russo Commenta

 

I social media raccolgono su una piattaforma web un gran numero di persone. È per questo che usando una sapiente comunicazione le aziende, i capi di stato, gli esponenti politici, gli stessi vip possono condividere le proprie opinioni e veicolarle sui media con molta più facilità. Ma allo stesso tempo si può anche considerare un gran numero di informazioni ottenute in tempo reale e che sono terreno fertile per coloro i quali sono opinion leader. Infatti, basti pensare al caso di Tweetminster.

 

Si tratta di una start-up inglese, nata dal genio di Alberto Nardelli, che si pone il compito di aggregare link di Twitter per veicolare informazioni, dati e opinioni sul web. Ad esempio, Tweetminster è stata la prima ad intervistare Gordon Brown, Primo ministro inglese, su Twitter. L’azienda monitora i tweets di politici, giornalisti, opinion leader considerando quali sono i trend di un certo periodo e da chi vengono veicolate le informazioni. In questo modo si ha una categorizzazione precisa di tutto ciò che naviga sui social media. Si può capire bene che queste informazioni possono essere fondamentali per coloro i quali vogliono impostare una campagna elettorale oppure anche una campagna di comunicazione aziendale. Infatti, Tweetminster vende i suoi dati a società di sondaggi, agenzie e multinazionali.

 

 

Cosa si può fare con questi dati? I social media possono diventare il mezzo attraverso il quale esperti di nuovi media e comunicazione politica impostano le proprie campagne. In Italia la situazione è un po’ particolare. Lo stesso Alberto Nardelli afferma che:

“L’interesse sta crescendo. In prossimità delle elezioni Twitter è sempre più centrale nelle conversazioni politiche e viene utilizzato come fonte di notizie. […] Per fare un partito ci vuole molto tempo, un brand, contatti sul territorio e supporti finanziari. La tecnologia accelera il processo, dando visibilità e una rete di supporto in modo diretto e rapido”.

Dal canto loro, i nostri politici stavano già facendo qualcosa. È di qualche mese fa la notizia di Silvio Berlusconi di voler riscendere in campo utilizzando il web e il mondo dei social network. A questi si erano interessati anche Nichi Vendola, Alfano.

Foto Credits| World Economic Forum su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>