Facebook testa i messaggi a pagamento verso i non amici

di Redazione 2

Durante le ultime ore il team di Facebook ha annunciato di essere intenzionato ad applicare alcuni importanti miglioramenti ai suoi filtri di messaggistica avviando per il momento una fase di test su una ristretta cerchia di utenti statunitensi in modo tale da poterne verificare l’effettiva efficacia.

Nello specifico Facebook ha intenzione di intervenire sulla posta privata, su quella sezione accessibile cliccando sulla voce Altri nei propri messaggi personali e che va a configurarsi come una sorta di cartella spam nella quale, appunto, vengono inseriti tutti i messaggi che potrebbero non interessare.

Nella cartella spam finiscono, in primis, tutti quei messaggi inviati dagli utenti con cui non si ha alcun amico in comune.

A tal proposito Facebook permette, già da diverso tempo a questa parte, l’applicazione di alcuni filtri che consentono di visualizzare specifici messaggi.

Nello specifico sono disponibili due differenti tipologie di filtri: Filtri di base, per ricevere i messaggi dei propri amici ed anche quelli di eventuali persone che potrebbero essere conosciute, Filtri più restrittivi, per visualizzare i messaggi inviati solo e soltanto dai propri amici.

Considerando il modus operandi dei due filtri, specie di quelli più restrittivi, può quindi accadere che inviando messaggio ad utente “sconosciuto” quest’ultimo può non visualizzare quanto spedito.

Al fine di porre rimedio a questa scomoda situazione Facebook ha quindi ben pensato di avviare dei test su quella che potrebbe presto diventare una nuova funzionalità del social network.

Facebook, infatti, sta sperimentando una nuova funzione che consente agli utenti di avere l’assoluta certezza che i messaggi inviati finiscano nella cartella principale di un contatto e non nella sezione Altri… come? Pagando!

Si, esatto, per poter ottenere questo privilegio sarà necessario pagare una minima somma di denaro.

Per il momento non sono ancora state comunicate le tariffe esatte ma stando a quelle che sono le indiscrezioni il prezzo dovrebbe essere pari ad 1 dollaro circa.

Il pagamento di una somma di denaro se per certi versi può non sembrare giusta per altri, invece, si poiché in grado di scoraggiare l’invio di eventuali ed inutili messaggi indesiderati.

Via | The Verge

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>