e-Advertising, a che punto siamo

Spread the love

 

 

Oggi parliamo di sviluppi e novità legati al mondo del web che coinvolgono le Aziende di grandi dimensioni, i così detti Lux Brand che in pratica riescono a colpire il mondo intero e si sono portati a casa una buona fetta di popolarità grazie ai vecchi media come i giornali, la cartellonistica stradale e soprattutto la televisione.

 

Ma che tipo di rapporto hanno i grandi Brand nei confronti dei social network e soprattutto con la diffusione a cura dei giovanissimi che utilizzano questi network? Attualmente il social network per eccellenza, ovvero Facebook, gestisce i suoi rapporti con le grandi marche, attraverso le fan page. Chiunque in queste grandi Aziende, gestisce il marketing e la comunicazione utilizza ad oggi l’economico metodo di comunicazione posto dalle fan page. La valorizzazione di questa pubblicità (gratuita) è stata effettuata attraverso gli esperti di economia, che l’hanno proposta agli occhi di circa 2 miliardi di dollari di perdite per il solo secondo semestre del 2010, periodo analizzato a scopo di confronto con quello che è la soglia degli incassi proposti con l’e-Advertising.

 

Il valore economico dell’ e-Advertising è cresciuto in questo ultimo anno soprattutto su Facebook, facendo ragiungere al team di Mark Zuckerberg l’ottimo risultato di circa 1,6 miliardi di dollari incassati nel solo primo semestre del 2011, una cifra che può essere identificata a circa il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Attualmente, le stime rilasciate da ComScore, dimostrano come gran parte delle inserzioni del social network, però, risultino essere nate ed acquistate da parte di tantissime piccole società, ma non c’è ancora nessun Brand di quelli considerati “grandi”, che ha acquistato e-Advertising su un social network come quello di Facebook.

 

 

Probabilmente, la grande fama portata dagli utenti sul social network attraverso le fan page basta ai marchi per i propri introiti  pubblicitari, dedicati solo ed esclusivamente alla veicolazione del brand su altri canali…un errore?

2 commenti su “e-Advertising, a che punto siamo”

Lascia un commento