“Diventa Rocco per un giorno”: Siffredi usa Facebook per la politica

Spread the love

 

Si avvicinano le elezioni amministrative 2012, in Rete sta spopolando una campagna promozionale che vede come protagonista Rocco Siffredi. Avete capito bene, si tratta del noto protagonista del mondo del porno, conosciuto soprattutto per le sue grandi doti amatorie. Rocco si candida a Sindaco di Palermo e non è certo il primo candidato proveniente dal mondo dello spettacolo a far parlare di se. Basti pensare a Cicciolina, a Vladimir Luxuria o alla recente Milly D’Abbraccio.

 

Ma è veramente tutto vero? I sostenitori della pornostar hanno utilizzato il social network Facebook per poter coinvolgere il maggior numero di persone. I doppi sensi la fanno da padrone, ovviamente. Quindi, ci troveremo di fronte a manifesti elettorali che recitano: “Perché la nostra città ha bisogno di misure straordinarie”, oppure “I miei valori? In basso al centro”. Lo slogan principale di Rocco è basato su “un programma per il pene comune”. La campagna è originale, provocatoria e ingegnosa, molto più rispetto alle reali campagne politiche a cui siamo stati abituati negli ultimi anni. Tanto è vero che Siffredi ci tiene a precisare una cosa:

Per me la politica è una cosa seria e non mi va di prendere per il culo la gente. In questo momento, poi, meno che mai.

Nel mondo dei social network, però, l’iniziativa ha avuto un grande seguito. Soprattutto perché ad un certo punto è stato indetto una sorta di concorso dal titolo “diventa Rocco per un giorno”. Il regolamento non invitava esplicitamente alla pornografia, né alla produzione di contenuti che violino le norme del buon costume, come si potrebbe pensare in un primo momento. Lo slogan in questo caso recitava: “Con me 3MSL, tre metri sopra il letto”. Per farvi un’idea precisa potrete vedere tutto da qui. Come direbbe Massimo Troisi, in una versione un po’ riadattata di un suo noto film, non ci resta che ridere.

Foto Credits | Ducati999 su Flickr

1 commento su ““Diventa Rocco per un giorno”: Siffredi usa Facebook per la politica”

Lascia un commento