Vimeo, disponibili oltre 500 filtri per personalizzare i video

di Redazione Commenta

Anche Vimeo, il sito di rete sociale video, ha scelto di seguire la moda lanciata da Instagram e seguita poi da Twitter e da diversi altre risorse social: da poche ore, infatti, il celebre servizio web ha messo a disposizione dei propri utenti una vasta gamma di filtri che possono essere applicati ai filmati uploadati.

Infatti, grazie alla tecnologia sviluppata da Vivoom, una realtà operativa nel capo dell’editing video su piattaforma cloud, ora agli utenti viene offerta la possibilità di modificare e personalizzare la visualizzazione dei propri filmati.

I filtri disponibili sono oltre 500 e sono stati raccolti nella funzionalità Looks.

D’ora in avanti, quindi, chi carica un filmato non dovrà più servirsi di eventuali software esterni per l’editing video e non dovrà conoscere, per forza di cose, eventuali parametri da settare.

È infatti sufficiente loggarsi alla piattaforma, accedere alla sezione Enhancer e selezionare il filmato che si desidera elaborare.

A questo punto è possibile scegliere uno dei tantissimi ed accattivanti filtri disponibili nella parte inferiore della schermata, così com’è anche possibile notare dando uno sguardo allo screenshot illustrativo annesso ad inizio post.

Cliccando sul filtro d’interesse verrà montata l’anteprima del risultato finale restituito in modo tale da poter decidere quale filtro applicare definitivamente.

Tra i vari filtri disponibili, tra cui  Rose Tinted Memories, German Expressionism, Magic Stroke, Decaffeinated, Summer of ’77 e Violent Sepia Creator, ne è anche disponibile uno che consnete di modificare l’intensità dell’effetto da 0 al 100%.

Tutti gli effetti possono essere applicati all’intero video o, a seconda di quelle che sono le diverse esigenze, soltanto ad una parte dello stesso.

Le personalizzazioni apportate, inoltre, possono essere salvate in modo tale da potersene servire immediatamente anche in un secondo momento.

I filtri possono essere utilizzati gratuitamente per i primi 90 giorni oltre i quali sarà poi necessario sborsare 0,99 dollari per ciascuna applicazione.

[Photo Credits | Vimeo Staff Blog]

Via | The Next Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>