Twitter è la risorsa di social networking avente il maggior grado di istruzione tra gli utenti

di Redazione Commenta

Spread the love

Le risorse rientranti nella sfera del “social networking” sono oramai svariate e gli utenti che se ne servono sono altrettanto parecchi, per cui, considerando lo straordinario numero di individui che, sempre più con maggior frequenza, utilizza Facebook, Twitter, LinkedIn etc. può rivelarsi utile, di tanto in tanto, condurre degli studi in relazione a coloro che, giorno dopo giorno, si servono di tali risorse.

È questo il caso dell’analisi condotta da Pew Internet che ha tentato di esaminare l’attuale grado di istruzione degli iscritti ai social network.

A tal proposito, il fatto che MySpace, sin dagli albori, si sia andata a configurare come una tra le risorse di social networking maggiormente impiegate dai giovani utenti e, in particolar modo, da quella fascia di ragazzi frequentanti le scuole superiori, non è certo una gran scoperta.

La cosa che, però, potrebbe destare maggiore attenzione è il fatto che MySpace, ad oggi, risulta essere uno tra i servizi di social networking in cui viene mantenuto il grado più basso d’istruzione.

Tali dati si contrappongo a quelli restituiti dall’analisi dell’utenza di Twitter che, allo stato attuale delle cose, andrebbe a configurarsi come l’effettivo opposto di MySpace, ovvero come il servizio che può contare su un ampio numero di utenti aventi il maggior grado di istruzione.

I dati in questione fanno riferimento ad un’indagine condotta esclusivamente sul territorio americano ma, sebbene tali informazioni non possano essere estese all’intero globo e generalizzate, vi è però da considerare che un gran numero di utilizzatori di tali servizi appartiene proprio a tale continente per cui le informazioni ricavate possono essere ritenute, seppur per sommi capi, quella che è la situazione attuale ed effettiva.

Dall’indagine ne è emerso inoltre che ad utilizzare maggiormente i social network sarebbero gli utenti di sesso femminile (presentando un notevole distacco con gli uomini per quanto riguarda Twitter) eccezion fatta per LinkedIn che può contare su ben il 63% di uomini contro il 37% delle donne.

Via | The Next Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>