Twitter aggiorna le funzioni di ricerca

di Redazione Commenta

Nel corso delle ultime ore Twitter ha annunciato l’introduzione di un’importante ed interessante novità che va a semplificare la ricerca dei contenuti sociali sulla versione web del servizio.

Trattasi di quella che è stata identificata con il nome di universal search, ovvero una nuova feature che permette all’utente di visualizzare sullo schermo anche le persone e le foto correlate ad un determinato termine cercato. Sino a qualche ora fa era invece possibile visualizzare soltanto i messaggi.

Effettuando una ricerca gli utenti noteranno quindi tre principali cambiamenti nella pagina dei risultati. Nella colonna di sinistra viene mostrato il link Foto al di sotto del quale Risultati e Persone. Nella colonna di destra sono invece elencati i contatti correlati al termine cercato unitamente ai primi tre top tweet ed alla nuova sezione Foto contenti le immagini più rilevanti.

In tal modo, quindi, Twitter va ad offrire un vero e proprio riassunto visivo dei contenuti che sono stati pubblicati sul cinguettante social network, il tutto direttamente all’interno di un’unica schermata seguendo quindi la falsariga di Google.

Da circa sei anni a questa parte, infatti, big G ha messo a disposizione degli internauti l’universal search permettendo di visualizzare foto, video, notizie, elenchi di attività commerciali ed altro direttamente tra i risultati di ricerca su Google Search.

Unitamente alla novità in questione ora andando a digitare una qualsiasi query nel box di ricerca saranno mostrati i suggerimenti, quelli che il team di Twitter ha definito come social context.

Quando l’utente comincerà a digitare la query nel box di ricerca verrà mostrato un elenco a cascata indicante tutte le relazioni con le altre persone. Cliccando nel box è invece possibile visualizzare le ricerche recenti e le ricerche salvate.

Da notare che le nuove funzionalità sono in fase di rollout e che pur essendo state attivate per la maggior parte degli iscritti a Twitter molti utenti potrebbero ancora non riuscire ad usufruire. In tal caso non c’è da preoccuparsi, è soltanto questione di ore.

Via | Search Engine Land

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>