Spunta anche l’11 luglio la bufala sull’algoritmo Facebook in Italia

di Gio Tuzzi Commenta

Approfondimento indispensabile oggi 11 luglio a proposito della bufala sull'algoritmo Facebook in Italia. Ecco come possiamo individuarla in Rete

Appuntamento quasi immancabile, di tanto in tanto, con la cosiddetta bufala dell’algoritmo Facebook, a proposito di una catena secondo cui il social network da un po’ di tempo a questa parte ci mostri solo i post di 25 amici coi quali abbiamo un numero superiore di interazioni.

Cerchiamo di andare più a fondo su questa vicenda, andando ad individuare il testo del messaggio che sta circolando da un po’ di tempo a questa a proposito del fantomatico aggiornamento dell’algoritmo Facebook:

“Beh, anch’io sto saltando sul carro.

Combattendo questa modifica dell’algoritmo di Facebook, perché ho sicuramente notato che non vedo più tanti post dei miei amici.

Ecco come evitare di sentire gli stessi 25 amici di fb e nessun altro. La tua sezione notizie mostra di recente solo i post delle stesse poche persone, circa 25, più volte lo stesso, perché facebook ha un nuovo algoritmo. Il loro sistema sceglie le persone che leggono il tuo post. Tuttavia, vorrei scegliere per me, quindi, chiedo a tutti voi un favore. Se stai leggendo questo messaggio lasciami un commento veloce, un “ciao”, un adesivo, qualsiasi cosa tu voglia, così sarai visualizzato nella mia sezione notizie. Altrimenti Facebook sceglie chi farmi vedere, e non ho bisogno di Facebook per scegliere i miei amici. I social media riguardano la comunicazione.

Copia e incolla questo testo sulla tua bacheca in modo da poter godere di più interazione con tutti i tuoi contatti e bypassare il sistema.

Grazie per la dritta da chi ha già copiato e incollato quanto sopra.

Tieni il dito giu ‘ ovunque in questo post e “Copia” salta fuori. Clicca su “Copia”, poi accedi alla tua pagina, avvia un nuovo post sulla tua pagina, poi metti il dito ovunque nel campo bianco. “incolla” salta su e clicca su incolla e voilà, hai appena copiato. – grazie. – grazie”.

Insomma, la bufala sull’algoritmo Facebook sta prendendo nuovamente piede, ma come molti sanno non si tratta certo di una novità in senso assoluto. Anche a voi è capitato di trovare ricondivisa questa catena?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>