Smentita bufala bolletta Enel con 35 euro in più: catena Whatsapp falsa

di Gio Tuzzi Commenta

Finalmente una precisazione definitiva sulla bufala bolletta Enel con aumento di 35 euro a causa dei clienti morosi, mettendo la parola fine all'allarmismo generato dalla catena Whatsapp

bufala bolletta Enel
bufala bolletta Enel

Arriva in queste ore la tanto attesa smentita per quanto riguarda la bufala bolletta Enel, come è stato riportato anche da prefissoitalia.it. La comunicazione ufficiale giunge proprio da Enel, che sta cercando di mettere la parola fine alle tante voci che si sono rincorse in settimana dopo la distribuzione del messaggio Whatsapp pieno di inesattezze.

A tal proposito, dunque, occorre ricordare a tutti in cosa consiste la smentita della bufala bolletta Enel, perché le informazioni fornite dal noto gestore di luce e gas sono importanti e dovrebbero farci archiviare momentaneamente la vicenda. Ecco tutto quello che c’è da sapere:

“Enel, nel ribadire la propria estraneità alla vicenda, fa presente che nelle bollette attuali e in quelle dei prossimi mesi non risultano voci aggiuntive. Peraltro, in merito a questa vicenda, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) è intervenuta direttamente con un comunicato stampa per spiegare meglio che il provvedimento è esclusivamente finalizzato a reintegrare gli oneri di sistema a seguito del mancato versamento da parte di alcune imprese venditrici e non di altri clienti morosi. Il relativo impatto sulle bollette dei consumatori finali non è ancora stato quantificato da ARERA, ma in ogni caso l’Autorità ha precisato che sarà molto contenuto (all’incirca il 2% degli oneri di sistema, e non certo 35 euro)”.

La speranza è che la smentita bufala bolletta Enel riguardante il presunto aumento di 35 euro dovuto ai clienti morosi ci aiuti a chiudere una volta per tutte questa vicenda, visto che da giorni si fa cattiva informazione con inutili allarmismi per il pubblico italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>