Riesumata la bufala con WhatsApp a pagamento da sabato: ecco come riconoscerla

di Gio Tuzzi Commenta

Dettagli utili per comprendere come individuare la bufala con WhatsApp a pagamento da sabato, stando alle ultime informazioni su come riconoscerla

Pare essere nuovamente in diffusione una bufala riguardante WhatsApp a pagamento da sabato qui in Italia, stando a quanto abbiamo avuto modo di raccogliere oggi 14 gennaio. Si tratta della solita fake news, smentita più volte dallo staff della nota app di messaggistica come alcuni ricorderanno.

Importante in un contesto di questo tipo riconoscere la bufala di WhatsApp a pagamento da sabato, in riferimento alla catena che ha preso piede anche ad inizio gennaio qui in Italia:

“Sabato mattina whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01 euro al messaggio. Mandalo a dieci persone.”

“Salve, siamo Andy e Jonh, i direttori di whatsapp. Qualche mese fa vi abbiamo avvertito che da quest’estate whatsapp non sarebbe stato più gratuito; noi facciamo sempre ciò che diciamo, infatti, le comunchiamo che da oggi whatsapp avrá il costo di 1 euro al mese. Se vuole continuare ad utilizzare il suo account gratuitamente invii questo messaggio a 20 contatti nella sua rubrica, se lo farà, le arriverá un sms dal numero: 123#57 e le comunicheranno che whatsapp per LEI è gratis!!! GRAZIE…. e se non ci credete controllate voi stessi sul nostro sito (www.whatsapp.com). ARRIVEDERCI.

PS: quando lo farai la luce diventerà blu (se non lo manderai l’agenzia di whatsapp ti attiverà il costo)”.

Dunque, va ignorata la catena che ci parla di WhatsApp a pagamento da sabato, considerando il fatto che lo staff ha più volte annunciato la volontà di non fare un passo indietro sotto questo punto di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>