Riconoscere e prevenire lo stalking sui social network

di Redazione Commenta

 

Oggi tocchiamo un argomento particolare che potrebbe interessare tutti gli utenti di IoChatto, ed in particolare, coloro che da un certo punto di vista, si sentono “attaccabili” dai social network e da tutto quello che ci gira dietro. La parola stalking, negli ultimi anni è sempre più presente nell’immaginario collettivo comune, ma soprattutto, la vediamo sempre più spesso scritta sui giornali e ne sentiamo parlare quando si parla di social network e telefonia mobile.

 

Questo problema, aumenta ancora di più nel momento in cui si diventa dei personaggi pubblici, non per forza famosi, ma ad esempio se si è iscritti ad un social network e si ha una vita virtuale molto attiva. A parlarne, sembrerebbe una cosa di poca rilevanza, che non potrebbe portare a conseguenze, invece non è così. Esaminiamo il problema.

 

La parola stalking deriva dall’inglese stalk, verbo che significa “appostarsi”. Identifica tutte le possibili molestie che possono assillare una persona, portandola a privarsi completamente della libertà personale e nello specifico di non riuscire più a vivere la propria vita. Lo stalking che nasce sui social network, molto spesso è lieve e si spinge fino a conoscere l’anagrafica e l’indirizzo reale degli utenti minacciati, trasformandosi poi in stalking reale e creando grandi problemi. Seppur il reato introdotto legalmente nel 2009, viene punito con una reclusione dai 6 mesi ai 4 anni, sembra proprio che gli stalker non siano scoraggiati dal perseguitare gli utenti di social network e chat, mettendoli in grande difficoltà e soprattutto arrivando a compiere atti di follia, soprattutto verso le donne.

 

 

Per riconoscere gli atteggiamenti di stalking, conviene fare molta attenzione ad i nostri “amici” di Facebook ad esempio, che hanno un controllo costante sulla nostra bacheca, e che sanno tutti i nostri spostamenti, o ancora, fare attenzione se ci troviamo dei messaggi che parlano di noi, sempre della stessa persona, su bacheche altrui. Questo è un mezzo preliminare per isolare il problema ed eventualmente denunciarlo subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>