MySpace rinasce dalle ceneri, nuovo look e nuove funzionalità

di Redazione Commenta

Un tempo MySpace era il leader inconstrastato del mercato social, la creatura di Tom Anderson (poi venduta a NewsCorp per 500 milioni di dollari) guardava dall’alto in basso tutti i concorrenti, che all’epoca erano davvero pochini. Poi l’avvento di Facebook e Twitter ha spazzato via MySpace, oggi ridotto ad un cumulo di macerie.

Nel 2011 il sito è stato acquistato da una nuova società con lo scopo di rilanciarlo sul mercato, quello che molti non sanno è che dietro il rilancio di MySpace c’è anche un certo Justin Timberlake, cantante, attore e finanziatore di start-up di (più o meno) successo.

Il nuovo MySpace non è ancora online ma il team di sviluppo ha pubblicato un video che mostra una preview del nuovo prodotto. L’interfaccia è simile a quella di Pinterest con una spruzzata di Metro (interfaccia di Windows 8 e Windows Phone), mentre le funzionalità sembrano simili a quelle di Google Plus, con la possibilità di condividere ed esportare contenuti da Facebook e Twitter.

Certo è ancora presto per emettere giudizi, Justin Timberlake però ha dimostrato di avere fiuto per le imprese sul web, questo ennesimo restyling di MySpace sembra nascere sotto una buona stella, anche se c’è da dire che la “fama” del brand è ormai pesantemente compromessa dagli errori fatti nel corso degli ultimi anni di gestione. Il sito è stato letteralmente abbandonato a se stesso, sarà difficile riconquistare gli utenti persi e migrati verso Facebook, Tumblr o altre piattaforme.

Al momento il nuovo MySpace è ancora in versione beta, volendo è possibile iscriversi lasciando la propria email, riceverete un invito non appena il progetto sarà online. Qui sotto invece potete vedere il video che anticipa alcune funzionalità di MySpace, utile per farsi una idea riguardo la nuova versione di uno dei primi veri esempi di social network di successo globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>