Le novità in arrivo con WhatsApp: situazione ad inizio luglio

di Gio Tuzzi Commenta

L'app riceve costantemente nuove funzionalità e 2020 ed è pronta a portare alcuni trucchi davvero utili per gli utenti

Siamo arrivati a luglio ed è il momento giusto per fare il punto della situazione per quanto concerne i prossimi aggiornamenti WhatsApp. Sembra quasi certo che troverai la dark mode, oltre a una nuovissima funzione che esporrà falsi contatti che cercano di ingannarti. Cerchiamo dunque di risalire a quelli che sono i reali progetti degli sviluppatori, affinché si possa tenere il passo delle app concorrenti secondo quanto raccolto di recente.

WhatsApp

Le novità più vicine per gli utenti WhatsApp

In questo particolare contesto, a dominare la scena in ottica WhatsApp è senza ombra di dubbio la Dark Mode. Lo strumento che dovrebbe essere lanciato nei prossimi mesi inverte i colori dello schermo per creare un tema più scuro per la messaggistica al buio. Gli sviluppatori sperano che il cambiamento, che l’utente avrà la possibilità di attivare o disattivare, ridurrà la tensione sugli occhi dopo aver trascorso tanto tempo davanti allo schermo. E se si devono credere alle ultime indiscrezioni, la modalità oscura vi aiuterà anche a spremere ogni minuto della durata della batteria.

In Dark Mode, WhatsApp ha uno sfondo nero con testo bianco in alto. La versione normale del display è l’opposto, con lo sfondo bianco che crea molta luce e genera di conseguenza più consumi. La funzionalità tanto attesa dovrebbe migliorare l’esperienza dell’utente e ridurre il consumo della batteria. La funzione è stata precedentemente rilevata in diverse versioni beta delle app iOS e Android. È importante notare che l’opzione Risparmio batteria appena trovata funzionerà solo se il tuo telefono ha uno schermo OLED.

Come riportato alcuni giorni fa, prosegue lo sviluppo della nuova funzione “Cerca per immagine“. Non è ancora disponibile poiché è ancora in fase di test, ma le persone che si iscrivono per diventare beta tester di WhatsApp possono eventualmente accedervi. La funzione consentirà agli utenti di fare clic sulle immagini che vengono inviate su WhatsApp e di cercarle su Google per verificarne l’origine. Ciò potrebbe aiutare a ridurre la diffusione di notizie false e rendere più difficile per le persone pescare gli altri usando immagini che non appartengono a loro. Insomma, un impegno concreto degli sviluppatori in questo senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>