Google+: raggiunti i 25 milioni di utenti in tempi da record

di Redazione 1

Ulteriori aggiornamenti “numerici” dal fronte Google+: l’oramai ben noto social network reso disponibile direttamente da Big G, nonostante i rallentamenti che, non molto tempo addietro, avevamo avuto modo di mettere in evidenza qui su IoChatto, può contare ora su ben 25 milioni di utenti totalizzati in poco più di un mese dal lancio del servizio.

Il nuovo traguardo raggiunto da G+, presumibilmente già a patire dal 24 Luglio, è stato reso noto da comScore, il noto sito web preposto alla pubblicazione in rete dei dati facenti riferimento al traffico aziendale, che, nella giornata di Mercoledì, ha provveduto a rendere disponibili tali informazioni all’intera utenza.

Prendendo sempre come punto di riferimento i dati in questione e suddividendo il numero di utenti di Google+ per locazione geografica è possibile notare che ben 6 milioni di visitatori unici risultano statunitensi, circa un milione di visitatori proviene invece da Canada e Regno Unito, oltre 920 mila dalla Germania, circa 780 mila dal Brasile, poco più di 780 mila dalla Francia e circa 500 mila dalla Cina.

Il numero di utenti di Google+ sembrerebbe dunque aver subito un notevole incremento nelle ultime due settimane procedendo al ritmo di un milione di visitatori in più ogni giorno e continuando quindi a battere i record fissati dalle altre ben note risorse di social networking quali, nello specifico, Faceboook e Twitter.

Basti infatti pensare che per raggiungere il medesimo traguardo Facebook ci ha impiegato ben tre anni e Twitter, invece, 30 mesi.

In ogni caso appare però necessario sottolineare che, trattandosi di dati non resi disponibili direttamente da Google ma essendo l’oggetto di un’analisi di un’azienda esterna, i fatidici 25 milioni farebbero riferimento, così come dichiarato da comScore stessa onde evitare l’insorgenza di possibili polemiche, solo e soltanto ai visitatori della pagina web dedicata a Google+ e, non al numero effettivo di utilizzatori, un fattore questo che risulta indispensabile evidenziare se si considera il fatto che il social network, ad oggi, non risulta ancora aperto a tutti.

Via | ZDNet

Photo credits | TheDeletedUser

 

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>