Facebook Messenger, Mark Zuckerberg spiega il senso dell’app

di Martina Commenta

Durante una recente sessione di domande e risposte organizzata da Facebook il giovane CEO Mark Zuckerberg ha avuto modo di spiegare il senso dell’app Facebook Messenger provvedendo inoltre a fornire le motivazioni in base alle quali nei mesi scorsi ha forzato gli utenti a scaricarla per poter continuare a chattare.

Mark Zuckerberg sostiene che Facebook Messenger va a configurarsi come la soluzione migliore per offrire un’esperienza di chat ottimale agli utenti del social network a differenza dell’app Facebook che è stata invece concepita per offrire in primis la fruizione dei News Feed degli amici.

Se si considera che ogni giorno vengono inviati tramite Facebook Messenger ben 10 miliardi di messaggi e che la messaggistica rappresenta una delle attività che gli utenti compiono con maggior frequenza rendere disponibile un’app dedicata solo ed esclusivamente a ciò appare poi ancor più giustificato. Gli utenti, infatti, richiedono sempre maggiori funzioni alla piattaforma di messaggistica e per poterli accontentare restando al tempo stesso al passo con l’innovazione la separazione delle due app Facebook Messenger e Facebook è stata praticamente d’obbligo.

Grazie a questa separazione Facebook Messenger è ora una piattaforma mirata mediante cui gli utenti possono gestire in modo migliore e sopratutto più rapido le proprie conversazioni con gli amici iscritti al social network. In precedenza per poter inviare un messaggio gli utenti erano costretti ad avviare l’app Facebook, andare nella sezione dedicata alla messaggistica, cercare il contatto e poi cominciare a scrivere il proprio messaggio. Adesso invece le cose non stanno più in questo modo. Ciononostante Mark Zuckerberg ha ammesso che forse la transizione poteva essere gestita in maniera migliore rispetto a quanto fatto.

Via | TechCrunch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>