Facebook, disabilitato il riconoscimento facciale per gli utenti europei

di Redazione Commenta

Per noi utenti italiani e per tutti gli altri iscritti a Facebook appartenenti al Vecchio continente lo strumento Tag Suggest, ovvero la funzione nota a tutti come riconoscimento facciale, verrà disattivato e tutti i template esistenti saranno eliminati entro il 15 ottobre dell’anno attualmente in corso.

La decisione in questione, resa nota proprio nel corso delle ultime ore, è stata presa da Mark Zuckerberg e soci su suggerimento della Commissione per la Protezione dei Dati Irlandese che in Europa si occupa, appunto, della gestione dei dati sensibili ed il motivo di tale scelta appare abbastanza semplice pur essendo in effetti ben più complesso: violazione della privacy degli utenti.

La decisione di bloccare, per quanto concerne gli utenti europei, l’utilizzo del tool che aiuta nella selezione dei tag è una mossa messa in atto da Facebook conseguenzialmente alle richieste del Garante Privacy Irlandese.

Già tempo addietro, infatti, L’Authority irlandese Data Protection Commissioner of Ireland aveva chiesto a Facebook di implementare modifiche per ottemperare alle richieste di Privacy in Europa.

Facebook ha ora intenzione di rielaborare e riproporre lo strumento del riconoscimento facciale all’interno di nuove linee guida per cui il Tag Suggest non è escluso che possa riapparire in seguito accompagnato, ovviamente, dai dovuti avvertimenti e formule di consenso.

Unitamente gli sviluppi relativi alla funzione di riconoscimento facciale il Data Protection Commissioner  ha inoltre chiesto a Facebook maggiore trasparenza nel trattamento dei dati e maggiore controllo sulle configurazioni privacy nell’advertising mirato.

Per quanto concerne la pubblicità, infatti, diversi dati degli utenti iscritti al social network in blu rimangono sensibili come nel caso di gruppi etnici, affiliazioni politiche o sindacali eccetera.

Ultimo ma non ultimo al social network in blu più celebre al mondo è stata inoltre fatta richiesta di maggiore chiarezza sugli account inattivi o cancellati.

Photo Credits | Flickr

Via | The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>