Google+, upload delle foto a piena risoluzione anche da desktop

di Redazione Commenta

Spread the love

Durante gli ultimi giorni Google+ è stato soggetto ad un ulteriore piccolo aggiornamento che fa presagire chiaramente quella che è l’intenzione del gran colosso di Mountain View: trasformare il proprio social network in una vera e propria piattaforma digitale adibita alla condivisione ed allo storage dei contenuti multimediali.

Da pochi giorni, infatti, big G permette di effettuare l’upload delle fotografie a piena risoluzione anche dalla versione desktop del suo social network procedendo in maniera analoga a quanto sia già possibile fare da device mobile.

In tal modo le immagini non vengono più ridimensionate durante la fase di upload ma mantengono quelle che sono le proprie dimensioni originali senza perderne in qualità.

Naturalmente tale modifica comporta un trasferimento di un quantitativo di dati superiore ed una maggiore quantità di spazio occupata nei 5 GB che Google mette gratuitamente a disposizione dei propri utenti per le foto e le immagini che presentano una risoluzione superiore ai 2048 pixel.

A seconda di quelle che sono le diverse esigenze sarà tuttavia possibile scegliere se abilitare o meno la nuova funzione o, ancora, se farlo soltanto al momento opportuno.

Per abilitare la nuova feature è sufficiente aprire la pagina relativa alle impostazioni del proprio account e dalla sezione Foto mettere la spunta accanto alla voce Carica le mie foto a grandezza originale, così come illustrato anche nello screenshot annesso ad inizio post.

Per disabilitare la nuova funzione sarà invece sufficiente rimuovere la spunta.

Ricordiamo inoltre che nei giorni precedenti sono state soggette ad un importante ed interessante update anche le app di Google+ per Android e per iOS.

L’aggiornamento ha introdotto nuove funzionalità, quali alcune features inerenti la gestione delle comunity, alcuni strumenti ed effetti per il fotoritocco, la visualizzazione dei post direttamente all’interno dello stream e, dulcis in fundo, l’anteprima delle immagini.

[Photo Credits | Google+]

Via | The Next Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>