La fiducia degli USA nei social network

di Redazione Commenta

Proprio oggi il principale quotidiano di New York ha pubblicato un annuncio su JournalismJobs.com in cui cerca un "Community & Social Media Producer", dimostrando con questa accezione di considerare i social network alla stregua dei grandi mezzi di comunicazione di massa.

Ve lo immaginate Il Sole24Ore o La Repubblica a pubblicare un annuncio di lavoro online per una figura professionale legata ai social network? Forse questo è chiedere troppo alla vostra immaginazione, ma probabilmente potete credere che si tratta esattamente di ciò che ha fatto il New York Times. Proprio oggi il principale quotidiano di New York ha pubblicato un annuncio su JournalismJobs.com in cui cerca un “Community & Social Media Producer“, dimostrando con questa accezione di considerare i social network alla stregua dei grandi mezzi di comunicazione di massa.

La sede di lavoro è la redazione online di New York e l’inquadramento è full time, anche se non è specificata nessuna cifra come compenso. Chi verrà assunto/a lavorerà al fianco di produttori, reporter, redattori e sviluppatori per aiutare i lettori a sentirsi più coinvolti nel giornale, in diversi modi: sia sul sito internet del quotidiano, sia sui social media.

Il candidato ideale possiede capacità ed esperienze nel settore di Twitter e Facebook, e si sente entusiasta nel lavorare un ambiente collaborativo. Ha una forte e dimostrabile passione per tutte le forme di giornalismo e ha avuto una lunga esperienza con comunità online e/o social media.

Le sue responsabilità principali saranno moderare e rivedere commenti, foto e altri contenuti generati dai lettori. Dovrà svolgere il ruolo di tutore di questi contenuti sul NYTimes.com e sarà una fonte di idee creative su come coinvolgere i lettori nel processo giornalistico. Dovrà configurare lo standard di moderazione e lavorare a stretto contatto con i dipartimenti software e prodotti per definire la strategia con i social media e la community. E, dettaglio non da poco, insegnare agli altri giornalisti della redazione a usare gli strumenti social.

Potete stimolare e spronare i giornali italiani a fare altrettanto. Ma nel frattempo, forse c’è qualcos’altro che potete fare. Se conoscete l’inglese perfettamente e vi sembra di avere tutti i requisiti, scrivete a [email protected] entro il 2 luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>