Anonymous si scaglia contro Zynga: no ai licenziamenti di massa

di Redazione Commenta

Giorni fa, mentre Apple era impegnata nella presentazione dell’iPad Mini e dell’iPad 4, Zynga, la celebre software house nota per i suoi giochi social presenti su Facebook, ha annunciato tagli e licenziamenti di massa per i suoi dipendenti, un provvedimento questo conseguenziale all’insorgere di una difficile situazione economica.

La notizia, che ha fatto molto discutere nel corso degli ultimi giorni, è giunta anche all’orecchio di Anonymous, il noto gruppo di hacker acktivisti, che, proprio durante le ultime ore, ha minacciato Zynga.

Stando infatti ad un post pubblicato su Anonnews.org gli hacker hanno sottratto e pubblicato diversi documenti confidenziali, unitamente ad alcuni file che dovrebbero contenere copie dei giochi di Zynga, che risultavano archiviati sul server dell’azienda.

La chiave dei file in questione verrà distribuita tra pochi giorni, il 5 novembre, a meno che la società non decida di mettere immediatamente fine al piano di tagli e licenziamenti.

Il collettivo hacker, nello specifico, ritiene che Zynga, con i licenziamenti messi in atto, sia cercando di camuffare la sua fuga all’estero con una falsa crisi utile solo e soltanto ad andare incontro a condizioni economiche favorevoli e mediante cui poter scaricare senza grossi problemi buona parte dei suoi dipendenti.

Anonymous, quindi ha accusato Zynga di opportunismo ai danni dei lavoratori statunitensi i quali hanno permesso alla software house di diventare una grande e conosciuta azienda.

Al momento non è ancora chiaro come e se reagirà Zynga all’attacco di Anonymous anche perchè la software house, allo stato attuale delle cose, non ha provveduto a rilasciare alcuna dichiarazione a riguardo.

Non è comunque da escludere il fatto che Anonymous possa decidere di ritorcere il tutto anche contro Mark Zuckerberg in quanto CEO del social network sul quale, appunto, è basato in gran parte il patrimonio di Zynga ed il suo successo.

Staremo a vedere.

Via | AllFacebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>