Zynga licenzia 100 persone e chiude la sede di Boston

di Davide Leoni 2

Mentre Apple presentava iPad Mini ed iPad 4, Zynga faceva un annuncio altrettanto importante, anche se non propriamente dello stesso tenore, purtroppo. Nelle scorse ore Mark Pincus ha inviato una lettera ai dipendenti spiegando la difficile situazione economica dell’azienda e annunciando tagli e licenziamenti.

Cento persone sono state licenziate nella sede di Austin, mentre la filiale di Boston è stata chiusa, a rischio anche la sede di Chicago. Pincus ha proposto anche di chiudere gli studi Zynga in Inghilterra e Giappone, inoltre la compagnia ha definitivamente smesso di supportare tredici vecchi titoli (non sappiamo quali) e ridurrà gli investimenti anche su The Ville, più volte accusato di essere un clone di The Sims e SimCity.

In un primo momento le voci di corridoio davano per definitivamente sospeso lo sviluppo di The Ville, lo stesso Pincus ha invece rassicurato tutti, la lavorazione continuerà ma non con gli stessi investimenti, a quanto pare Zynga non punta più sul gioco in questione. Anche altri tredici giochi sono stati abbandonati e non verranno più supportati in alcun modo, in altre parole Zynga non spenderà più soldi per lavorare su giochi che non hanno ottenuto i risultati sperati.

Davvero un brutto momento per Zynga, la società sta perdendo molto denaro in borsa ed anche gli ultimi giochi lanciati hanno faticato ad affermarsi, lo stesso FarmVille 2, pur ottenendo un buon successo (circa 50 milioni di giocatori attivi nel primo mese) ha performato molto al di sotto delle aspettative.

Zynga continuerà comunque ad investire nei giochi social per Facebook ma si sposterà probabilmente nel settore mobile, la società ha già pubblicato diversi giochi per iPhone e iPad e continuerà sicuramente su questa strada. Non è chiara invece quale sarà la sorte di CityVille 2, titolo in fase di sviluppo già da qualche mese e previsto in uscita entro la fine del 2012.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>