Volunia, il nuovo rivale di Google è tutto italiano

di Davide Leoni 1

Si chiama Volunia ed è un nuovo motore di ricerca tutto italiano, ideato da Massimo Marchiori, nome che dovrebbe dirvi qualcosa, se non siete stati su Saturno negli ultimi 20 anni.

Massimo è infatti il papà di Hyper Search, algoritmo di ricerca da lui creato nel 1995, grazie a questo algoritmo pochi anni dopo due studenti dell’università di Stanford daranno vita ad un progetto rivoluzionario chiamato Google.

Oggi Massimo torna sulla scena con un nuovo interessantissimo progetto, un motore di ricerca che al quale sta lavorando da ben quattro anni. Sarebbe facile pensare ad un clone di Google o ad una versione migliorata dello stesso, ma non è così, Volunia è un motore di ricerca semantico, capace di elaborare al meglio i dati delle ricerche per offrire risultati personalizzati e tagliati su misura per ogni utente.

Il futuro dei motori di ricerca dovrà necessariamente passare dal web semantico e a quanto pare Marchiori è arrivato a questa conclusione prima di tutti gli altri. I lavori su Volunia procedono a ritmo spedito, Massimo conta di riuscire a lanciare il motore di ricerca entro la fine dell’anno, in 12 lingue, mentre la beta potrebbe uscire già nelle prossime settimane.

Se volete essere tra i primi a provare Volunia potete iscrivervi sul sito del motore di ricerca, un numero limitato di fortunati utenti avrà l’onore di ottenere lo stato di Power User, con tantissimi vantaggi, come l’accesso esclusivo alla beta.

Al momento è possibile seguire lo stato dei lavori su Volunia tramite i profili di Facebook e Twitter, oltre che su YouTube, dove Massimo pubblica spesso video per spiegare agli utenti la filosofia alla base di questo nuovo motore di ricerca.

Volunia è un progetto ambizioso ed interessante che potrebbe dare un nuovo input al settore delle ricerche sul web, il fatto poi che l’idea sia frutto di un italiano non può che renderci particolarmente fieri.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>