Rilevante passo indietro sulla privacy WhatsApp dopo le proteste degli utenti

di Gio Tuzzi Commenta

Occorre prendere atto della decisione di WhatsApp, dopo le proteste degli utenti

Passo indietro inaspettato sulla privacy WhatsApp, in particolare per quanto concerne le funzioni da limitare a tutti coloro che decideranno di non accettare le nuove impostazioni di cui tanto si parla da alcuni mesi a questa parte. In Italia e nel resto del mondo. Dopo un anno turbolento, WhatsApp ha appena confermato la sorpresa più grande di tutte ai suoi 2 miliardi di utenti in tutto il mondo. Ormai nessuno pensava potesse arrivare.

Privacy WhatsApp

Cosa cambia a giugno sulla privacy WhatsApp

WhatsApp e Facebook sono stati appena sconfitti dalle proteste globali contro un cambio di termini forzato su 2 miliardi di utenti, o questo è sempre stato il piano: minacciare sanzioni, costringendo il maggior numero possibile di utenti ad accettare nuovi termini, e poi tornare indietro prima di qualsiasi insoluto gli utenti sono stati costretti a chiudere? Non lo sapremo mai.

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che la minaccia per gli utenti di WhatsApp che rifiutano di accettare i nuovi termini, che vedrebbero le loro app diventare inutilizzabili, è stata improvvisamente rimossa. Dopo mesi di titoli, briefing sui media, un massiccio blitz di pubbliche relazioni, non c’è niente. Nulla cambierà sul versante della privacy WhatsApp nei prossimi mesi, secondo quanto raccolto in questi giorni.

Prima di oggi, WhatsApp aveva affermato che “nessuno avrà i propri account cancellati o perderà la funzionalità di WhatsApp il 15 maggio a causa di questo aggiornamento, tuttavia, non avrai la piena funzionalità di WhatsApp finché non accetterai. Per un breve periodo, potrai ricevere chiamate e notifiche, ma non potrai leggere o inviare messaggi”. Ora, lo stesso sito di supporto assume un tono completamente diverso:

“Continueremo a visualizzare una notifica in WhatsApp che fornisce maggiori informazioni sull’aggiornamento e ricorda a coloro che non hanno avuto la possibilità di farlo di rivedere e accettare. Al momento non abbiamo in programma che questi promemoria diventino persistenti e limitino la funzionalità dell’app”.

La società ha anche rilasciato una dichiarazione, affermando che “viste le recenti discussioni con le autorità e gli esperti di privacy, vogliamo chiarire che attualmente non abbiamo in programma di limitare le funzionalità e come funziona WhatsApp per coloro che non hanno ancora accettato l’aggiornamento. Continueremo a ricordare agli utenti di volta in volta l’aggiornamento, quando le persone scelgono di utilizzare funzionalità opzionali pertinenti”.

Staremo a vedere se ci saranno o meno ulteriori novità per quanto riguarda la questione privacy WhatsApp. Di sicuro, quanto raccolto in questi giorni rappresenta una svolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>