Planking su Facebook, la prima vittima in Australia

di Redazione 5

Facebook ha dato vita a nuove mode, alcune divertenti come quella di fotografarsi sdraiati a faccia in giù, altre più pericolose come il planking, che ha le stesse regole, solo che per partecipare al gioco bisogna sdraiarsi in posti pericolosi e poi condividere le immagini su Facebook. Più alto è il rischio, più cresce la popolarità su Facebook, tanto che in Australia si è già registrata la prima vittima.

A Brisbane, un ragazzo di appena 20 anni è precipitato dal settimo piano di casa sua mentre era intento a farsi fotografare da un amico. Acton Beal, questo il nome del ragazzo, si era sdraiato sulla ringhiera del balcone quando ha perso l’equilibrio ed è caduto giù. Quando sono arrivati i soccorsi, per lui era già troppo tardi.

Il tasso di pericolosità del planking è paragonabile a quella di molti sport estremi, e ogni giorno si registrano nuovi incidenti. I luoghi preferiti dai fanatici del planking sono i binari delle stazioni ferroviarie, ma la fantasia dei fan sembra davvero inesauribile. Guardate, per esempio, il video che trovate qua sotto.

Le possibilità di fare planking (e di farsi male) sembrano davvero infinite. Perciò siate prudenti e non fatevi prendere troppo la mano.

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>