Big Bang sul web: il sistema Twitter

di Redazione Commenta

Information Architects ha presentato la Web Trend Map, una mappa di Twitter un po' particolare che ricorda la visualizzazione del Big Bang. Ma mentre l'originale mostrava come era nato l'universo, la web map mostra come i più importanti utenti di Twitter hanno cominciato.

Information Architects ha presentato la Web Trend Map, una mappa di Twitter un po’ particolare che ricorda la visualizzazione del Big Bang. Ma mentre l’originale mostrava come era nato l’universo, la web map mostra come i più importanti utenti di Twitter hanno cominciato. Si tratta infatti dei 140 utenti di Twitter più influenti – a seconda del numero di follower e di tweet,  illustrati a mo’ di pianeti insieme al loro primo tweet con data e testo, per spiegare quando e in che settore hanno cominciato a utilizzare il servizio di microblogging.

Hanno parlato dell’esperimento grafico, che si chiama Cosmic 140, addirittura la BBC, Newsweek, il Guardian, l’Huffington Post, Mashable e altri e sembra che se ne parlerà ancora per molto. L’intento è quello di ricevere il maggior numero possibile di feedback con consigli, critiche, idee e progetti da chiunque sia interessato all’argomento web.

Nel 2006 i fondatori del social network del passerotto azzurro hanno pubblicato i loro primi tweet. Ora ci sono più di cento milioni di utenti su Twitter nel mondo ma coloro che influenzano maggiormente questa rete sociale si possono identificare facilmente. La squadra di ricercatori ha analizzato gli archivi di Twitter, che li ha messi a disposizione. La dimensione del pianeta dipende dal numero di follower – più grande è il pianeta, più seguito è l’utente in questione – mentre la sua posizione dipende da quanto tempo l’utente usa twitter: più il pianeta è al centro del “twitterverso“, più si avvicina ai tempi dei suoi fondatori.

I primi cinque sono Barack Obama, Lady Gaga, CNN Breaking News, Taylor Swift e Pete Cashmore. La mappa, scaricabile in file pdf da qui, è diventata anche un poster stampabile, che costa cento dollari se spedita a casa (gli autori sono sicuri che la qualità dei loro poster in alta definizione è molto più alta rispetto a ciò che possiamo fare noi con le stampanti comuni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>