Social network e boom di furti d’identità

di Redazione 1

 

 

Come mezzi di comunicazione più diffusi al mondo, tutta la schiera di blog, forum e soprattutto social network, sono diventati una vera Banca ad ingresso libero per chi voglia appropriarsi di una nuova identità da sfruttare.

 

Questa situazione sta complicando ogni giorno di più, la vita di ignari cittadini che sono on line per motivi di lavoro o di semplice amicizia, che si trovano molto spesso coinvolti in situazioni delle quali sono completamente all’oscuro. Il caso principale di cui si parla di recente è quello del furto statunitense ai danni di un dirigente di una grossa compagnia di telecomunicazioni che si è visto rubare l’identità e prendere appuntamenti di lavoro al quale (l’originale) non si è mai presentato.
Quello che diventa importante al giorno d’oggi, è quindi la possibilità di proteggersi contro questi soggetti. In prima linea per questa battaglia, troviamo la Sophos, una azienda che si occupa principalmente di protezione e sicurezza dei dati on line. Lo studio pubblicato dalla stessa lo scorso ottobre, è a dir poco agghiacciante. Si parla di oltre il 42% delle identità rubate da Facebook per un utilizzo improprio dei propri dati personali on line.

 

Facebook ad esempio è una delle prime miniere d’oro per i ladri di identità che vogliono approfittare delle credenziali altrui. E non bastano le miriadi di consulenza avutesi tra il team di Mark Zuckerberg e gli esperti di aziende di sicurezza e privacy, perchè in un luogo come il social network, lo scambio dei dati e delle informazioni è alla base del suo senso d’essere.

 
I modi per proteggersi sono altri, e li analizziamo insieme a grandi linee tra i più conosciuti on line. Per poter garantirsi la propria identità on line ci sono diversi servizi che collegano il nostro profilo agli altri. Parliamo di Find Me On, disponibile all’indirizzo www.findmeon.com, che permette di collegare tutte le nostre identità dei vari social network, oppure altri come Venyo (indirizzo www.venyo.org). Tramite questi servizi, potremo unire tutti i nostri account, creando una certa reputazione di account e permettendo così che un account isolato faccia capire che non ha collegamento con noi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>