Diciotto nuovi brevetti di Friendster nelle mani di Facebook

di Francesco Russo Commenta

 

Come dicevamo qualche giorno fa, il colosso di Mountain View Google, sta cercando di mettere le manine sui colossi societari nell’ambito del social gaming, per assicurarsi un primato nel settore nel futuro prossimo. D’altro canto ecco che spuntano le iniziative di Facebook dalla stampa americana, dove si nota che per consolidare la leadership tra i social network, senza perdere punti o arrivare in ritardo rispetto agli altri è andato all’ufficio brevetti ed ha fatto spesa.
A riferirlo è stato VentureBeat. Secondo quanto dichiarato, il social network di Mark Zuckerberg, ha acquistato ben 18 brevetti di Friendster. Ma chi è Friendster? Forse in molti non se lo ricordano, ma i più accaniti frequentatori del web ricorderanno questo nome, come il primo network a raggiungere lo stato di mass-market. Il suo primato fu spodestato al tempo da MySpace, che poi è stato fatto fuori da Facebook.
Friendster non ha più riconquistato il suo pubblico, ma nel Sud Est asiatico è ancora molto in voga ed infatti la società malese MOL, azienda specializzata nei pagamenti on line, ha deciso di acquisire il social network nel Dicembre del 2010 per circa 40 milioni di dollari.


Lo United States Patent and Trademark Office ha dichiarato che dal suo database sono stati trasferiti ben 18 brevetti ideati da Friendster, ed indovinate a chi sono andati? Al team di Mark Zuckerberg ed il suo Facebook. Tutto ciò è avvenuto il 7 Giugno del 2010. Lo United States Patent and Trademark Office di questi ne ha già approvati 7 e di conseguenza sempre secondo VentureBeat, i soldi del buon Mark sarebbero stati ben spesi.

I brevetti sono abbastanza diversi abbiamo un sistema per la gestione dei siti, un metodo per la gestione dei siti, un sistema per connettere gli utenti in un computer system on line basato sulle social relation in un social network e poi altri brevetti per la gestione di abbonamenti dagli utenti di fonti di notizie da network esterni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>