Morta Amy Winehouse: social reaction

di Francesco Russo 1

Anche nel momento in cui avviene una disgrazia, ecco che i social network sono pronti ad essere protagonisti, grazie ai contenuti creati dagli utenti per l’avvenimento. Infatti, il web social media è sicuramente il luogo ideale per condividere il proprio pensiero e farlo giungere alle migliaia di persone che navigano on line quotidianamente.

La notizia della morte della rockstar Amy Winehouse, poi, ha completamente monopolizzato tutti i media internazionali e soprattutto i social network. Secondo dati statistici, ad esempio, sul social network Twitter, la scomparsa della Amy Winehouse ha addirittura oscurato completamente la strage di questi giorni ad Oslo, dove 91 giovanissimi sono morti per mano di un terrorista.

Secondo quando si vocifera, il decesso di Amy Winehouse è stato scioccante per tantissimi amici famosi della cantante e da quanto dichiara anche Perez Hilton, Amy, soffriva già da tempo di convulsioni dovute al brutale utilizzo di alcol e droga che avrebbero lacerato pian piano i suoi organi. Blogger e soprattutto star, però, non si sono dati pace ed il cordoglio funebre passato a mezzo social network, ha visto tantissimi post essere pubblicati sulle bacheche personali di Facebook e Twitter, per artisti come Rihanna, Demi Moore, Ricky Martin, Demi Lovato, Selena Gomez, Bryan Adams oppure Ashton Kutcher.

Ovvio che la cantante fosse molto nota e soprattutto molto seguita anche dai colleghi, visto che le sue vicende hanno interessato i rotocalchi molto spesso. Tra le importanti dichiarazioni pubblicate poi sui social network troviamo di sicuro quelle della sua amica Kelly Osbourne (figlia di Ozzy) e del suo produttore Mark Ronson, che ha parlato di esibizioni di una carriera stroncata dalla troppa vita.
Kelly Osbourne più di tutti forse toccata ha dichiarato:

“Non posso nemmeno respirare ora, sto piangendo intensamente. Ho appena perso una delle mie migliori amiche, ti amerò per sempre Amy e non dimenticherò mai il tuo vero io”.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>