Al Jazeera ridimensiona il ruolo di Twitter in Iran

di Redazione Commenta

Spread the love

Capita spesso di sentir parlare della Green Revolution in Iran come una “Twitter Revolution”. Si tratta della forte protesta nata in Iran durante il 2009 e andata avanti a suon di tweet contro un regime che non solo è stato in grado di manipolare i risultati delle elezioni, ma anche di far tacere ogni tipo di oppositore e attuare una fortissima politica di censura.

Tutti noi siamo stati sorpresi ed entusiasti nel vedere come Twitter era riuscito in poche ore a contrastare il black out dell’informazione iraniana e a sensibilizzare tutto il mondo alla protesta degli iraniani. Delle donne e degli uomini che in quelle ore stavano lottando con il corpo e con lo spirito per la democrazia del proprio paese.

Quando un paese è completamente al buio perché le televisioni sono state fermate, le telecamere sequestrate, le radio controllate e le linee telefoniche interrotte, Twitter era l’unica fonte di salvezza, l’unica piattaforma accessibile: solo tramite i tweet degli iraniani il mondo intero ha potuto apprendere veramente cosa accadeva in Iran.

Eppure è di poche ore fa una notizia che ci costringe a ricrederci non solo sulla potenza di Twitter in Iran, ma sulla credibilità di chi scrive quei 140 caratteri in situazioni importanti come una guerra o una repressione politica violentissima. Una notizia che ci costringe a riflettere sul fatto che questi strumenti possono essere utilizzati per un altro tipo di propaganda o per la diffusione di idee in modo altrettanto poco trasparente.

Secondo l’emittente televisiva Al Jazeera i conti non tornano. Moeed Ahmad, il direttore dei nuovi media presso Al Jazeera Network, ha dichiarato che da alcune verifiche effettuate dalla sua agenzia solo 60 twitters sono risultati fisicamente a Teheran, e solo 6 dopo che le connessioni sono state interrotte.

Con le verifiche del Dipartimento di Stato americano, infatti, è emerso che gli account su Twitter – che ci raccontavano la repressione “dall’interno” – in realtà sarebbero stati aggiornati dagli Stati Uniti.

Insomma, secondo Al Jazeera, dovremmo rivedere l’idealizzazione di Twitter a paladino della libertà dei popoli oppressi e la sua proclamazione a vera arma politica contro i regimi.
Per chi volesse incontrarlo in Italia, Moeed Ahmad sarà ospite del Festival Internazionale del Giornalismo, che si svolgerà dal 21 al 25 aprile a Perugia.

Vignetta | Political Graffiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>