Studio: Facebook ed il suo lato oscuro

di Redazione Commenta

Secondo quanto reso noto da una recente studio condotto da un ricercatore del dipartimento di comunicazione dell’università Western Illinois e pubblicata sulla rivista Personality and individual differences vi sarebbe un legame tra l’utilizzo dei social network e, nello specifico, di Facebook ed il narcisismo, un dato questo già evidenziato in passato ma messo ancor più in risalto dai dati recenti.

Nello specifico, secondo lo studio non è da escludere il fatto che avere un vasto insieme di amici su Facebook o su altri social network sia un dato collegabile ad un tratto della personalità definibile come “esibizionismo grandioso” o, in parole ben più semplici, narcisismo, così come indicato qualche riga addietro.

Unitamente all’esibizionismo grandioso vi sarebbe poi anche un altro tratto descritto come “abilità manipolatoria”, una definizione questa che viene associata alla frequenza, particolarmente diffusa tra alcuni utenti, di accettare amicizie da parte di estranei ed alla richiesta di aiuto fatta ad altri iscritti ai servizi di social networking anche quando non si è soliti ricambiare alla stessa maniera.

L’esibizionismo grandioso e e l’abilità manipolatoria sarebbero quindi i primi indizi di un “ lato oscuro” di Facebook.

Lo studio, nello specifico, è stato condotto prendendo in esame circa trecento studenti aventi un età compresa tra i 18 e i 65 anni e mediante il quale si è potuto individuare correlazioni statistiche tra le persone che mediante un apposito questionario hanno dimostrato di avere un elevato indice di narcisismo ed alcuni comportamenti applicati in relazione a Facebook.

Tuttavia non è stato possibile, almeno non per il momento, interpretare in maniera corretta la profondità di tale legame e la modalità mediante il quale viene sviluppato e, di conseguenza, se sia la personalità ad influenzare le scelte fatte su Facebook e sulle altre risorse di social networking o se, invece, il processo avvenga in maniera opposta.

Via | Neowin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>