Jerry Yang lascia Yahoo

di Redazione Commenta

Jerry Yang, co-fondatore di Yahoo nel 1995, ha lasciato la società da lui fondata ormai diciassette anni fa. Yang ha rassegnato le dimissioni e non fa più parte del consiglio di amministrazione di Yahoo e di tutte le aziende di proprietà del noto portale, come Alibaba, per esempio.

La popolarità di Yang presso i dipendenti di Yahoo è in calo da molti mesi, precisamente da quando Jerry ha iniziato a cercare acquirenti per la società. Sembra però lo stesso Yang fosse contrario alla vendita e che la decisione sia stata presa dagli altri membri del consiglio di amministrazione.

Si parlava di Alibaba (sito di aste online di proprietà dello stesso Yang) come possibile acquirente di Yahoo, ma la trattativa poi è saltata, forse per evitare un conflitto di interessi.

Yahoo è ormai in declino, il portale ha chiuso e sta chiudendo numerosi servizi e tagliando risorse ad altri (vedi Flickr) in modo da far quadrare i conti. Il traffico è al minimo storico, solamente Yahoo Answers e la sezione sport riescono a generare profitti utili per l’azienda.

La credibilità di Yang è crollata quando ha rifiutato l’offerta di Microsoft per l’acquisizione di Yahoo. La casa di Redmond metteva sul piatto una cifra decisamente allettante, pari a 46 milioni di dollari, offerta rifiutata da Yang poichè ritenuta troppo bassa.

Adesso sembra che il fondatore di Yahoo possa finire a lavorare proprio in Microsoft, per rilanciare i servizi Windows Live, la piattaforma (casella email compresa) è in crisi e non è stata capace di reggere il confronto con i nuovi concorrenti.

Ancora non è stato reso noto chi sarà il successore di Yang nella guida delle varie attività del motore di ricerca. Carol Bartz ha lasciato il suo incarico solamente pochi mesi fa, a causa dei risultati negativi fatti registrare dal suo operato come CEO di Yahoo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>