Followers azzerati, è Twitter che risolve un bug

di Redazione Commenta

Quelli che, nel pomeriggio di oggi, hanno aperto la propria pagina Twitter, hanno avuto una brutta, bruttissima sorpresa. Perché il profilo di quasi tutti i Twitters presentava qualche acciacco, soprattutto lì, in “zona” followers”: nessuno aveva più amici, stava tutto a zero.

Allarmismi, battute (c’è chi dice che la fine del mondo del 2012 partirà da Twitter, e che sono queste le prime avvisaglie, chi inventa tag ad hoc, lamentando la disfunzione, chi non si preoccupa e continua a chiacchierare con gli amici). Ma cosa è accaduto? Il Social network era in manutenzione straordinaria. Con queste motivazioni, date dallo stesso team di Twitter: “Abbiamo  identificato e risolto un bug che permetteva agli utenti di “forzare” altri utenti a seguirli. Stiamo lavorando per fare in modo che gli abusi creatisi a causa del bug vengano corretti. I Following/Followers stanno a zero, ma tutto tornerà presto alla normalità“.

Attraverso un procedimento neanche troppo sofisticato, visibile dalla foto in alto, il bug permetteva a chiunque lo volesse di farsi seguire da altri utenti Twitter, senza nessun permesso. A tutti gli effetti, gli utenti (soprattutto quelli più famosi presenti sul Social Network, n.d.r.) non erano a conoscenza di questa falla, e si ritrovavano in lista di persone che, probabilmente, non avrebbero mai seguito.

Grazie alla manutenzione del team di Twitter, è stato possibile risolvere il problema che stava destando polemiche, anche se questo ha significato per tutti gli utenti un azzeramento totale, improvviso, ma decisamente temporaneo, dei followers, guadagnati magari dopo mesi di pubbliche relazioni, di chiacchiere e retwitt. Ora Twitter non è più down, anzi: tutti gli amici sono tornati al proprio posto, ed è possibile inviare Direct messages a chiunque (con i followers a zero, Twitter non riconosce nessuno a cui inviare il messaggio privato, il nome dell’utente non può essere inserito manualmente, ma tratto dalla lista di amici).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>