L’inglese vietato sui media in Cina

Spread the love

 

Mentre vi parlavamo del viaggio di Mark Zukerberg in Cina, ecco che la governance locale cambia le “regole del gioco” per tutti i social media con il seguente decreto: “Le parole straniere mischiate con quelle cinesi danneggiano gravemente la purezza della lingua cinese e turbano l’altrimenti sano e armonioso ambiente culturale“.

Queste le parole precise, che continuano con il divietodi introdurre dei termini stranieri come parole o abbreviazioni in inglese nelle pubblicazioni in cinese e di creare dei termini che non sono né cinesi né stranieri e il cui significato non è chiaro“.

Stesso discorso varrebbe per chi utilizza i social network (anche le aziende). I blogger, ad esempio, già privati grazie alle “muraglie informatiche” di una serie di connessioni con i social network, si trovano ancora di più fuori dal mondo. Questo progetto di protezione è costato oltre 6,4 miliardi di yuan (più di 650 milioni di euro).

Mentre Facebook cerca di entrare nel Paese mandarino, quindi, il Governo cerca di mettere sempre più fuori gli occidentali dalla “pulizia” del Paese.

2 commenti su “L’inglese vietato sui media in Cina”

  1. Beh l’intenzione di “chiudere le porte” a livello linguistico è palese, tant’è vero che social network cinesi enormi, come Renren o QQzone hanno solo il cinese come lingua disponibile e permettono la registrazione a sole persone che abbiano residenza cinese (!). Per ora l’unico social network che ho trovato che è stato in grado di unire realmente il mondo occidentale (Italia) con quello orientale (Cina) si chiama AMICINA ( http://www.amicina.com )
    SE non lo conoscete.. beh.. ve lo consiglio ! 🙂

    Rispondi

Lascia un commento