Vota il collaboratore più brutto di Wikipedia

di Cristiana 12

Nell’ultima settimana, sopra ogni articolo di Wikipedia è comparso l’appello dei collaboratori a fare una donazione. Nemmeno il tempo di abituarci allo sguardo catatonico di Jimmy Wales che chiedeva il nostro aiuto, ed ecco che sono spuntati Tim, Ryan, Leslie, e per ultimo Brandon, il sosia capellone di Chuck Norris (foto sopra).

La rete ha subito ironizzato su questo fenomeno, generando commenti più negativi che positivi. L’insostenibile bruttezza dei collaboratori di Wikipedia è stata celebrata in una pagina Facebook, e su Twitter corre il sospetto che Wales abbia reclutato il suo staff tra i barboni dei ricoveri. Barboni estremamente ferrati nel campo dell’information technology, non c’è dubbio, ma sempre barboni.

Sappiamo che i tizi che ci assillano per una donazione dalle pagine dell’enciclopedia libera lo fanno a fin di bene, ma non possiamo negare che la T-shirt psichedelica della nostra Sue o la camicia a quadrettoni post-grunge di Erik siano contrarie a ogni legge del buon gusto.

Per questo ti invitiamo subito a votare il collaboratore di Wikipedia più brutto, quello che secondo te con la sua acconciatura o i suoi vestiti ha superato ogni limite.

Partecipare alla votazione è semplice:

  • Guarda le foto qui sotto e dai un voto al tuo (non) preferito!
  • Puoi votare quante facce vuoi!


Commenti (12)

  1. Dopo questo e il precedente articolo (http://www.iochatto.com/l-insostenibile-bruttezza-dei-collaboratori-di-wikipedia-facebook/21964/) avete raggiunto una bassezza di contenuti che ha superato davvero il limite. Peccato perchè era partito bene questo blog ma i troppi articoli fuori tema o semplicemente stupidi come questo. Addio!

  2. @ Andrea “Bruno” Brunato: suvvia, un po’ di sense of humor! Questo articolo non è migliore o peggiore di tanti meme che spopolano in rete. Wikipedia è una risorsa indispensabile di cui parliamo spesso e bene, che male c’è a farsi due risate una volta tanto?

  3. Quoto in pieno Andrea, se ne vedono davvero pochi di articoli così penosi.

  4. @ Cristiana:
    Modificare l’articolo dopo la pubblicazione è qualcosa di davvero triste, all’inizio non era così, ma soprattutto in due articoli sullo stesso argomento avete citato per due volte una pagina facebook con davvero pochi fan (molti meno di quanti ne abbia adesso), non ne capisco il motivo, non mi pare necessario su un blog che tratta di social network fare due articoli su un argomento decisamente fuori da ciò che questo sito dovrebbe trattare. Indire una votazione è qualcosa di veramente stupido. e ho appena cliccato un mi piace per sbaglio e non posso nemmeno togliere la mia scelta.

  5. ahahaha…poverini però 😀
    @ Andrea “Bruno” Brunato e @ Andrea “Bruno” Brunato:
    Ragazzi ma vi sembra il caso di fare polemiche su una cosa così? Ha ragione Cristina, ci sta farsi qualche risata. E se parlate invece del “doppio articolo”…ma chi se ne frega….

  6. Articolo semplicemente fantastico! Vi adoro

  7. Non date retta alle critiche. Condiviso e sharato su FB. Assolutamente virale, la cosa. Ogni volta che apro Wikipedia negli ultimi mesi, mi prende un colpo! A questo punto era meglio Jimmy Wales! Eheheheheh…

  8. ma invece che sharare=condividere (viceversa) questi “virali”.. x chè ogni simpatico che vuole sorridere a votareil meno brutto lo fa,SOLO dopo aver donato qualcosa a wiki..uno degli strumenti cultura piu’ utili?
    dopo puo votarmi anche il mio c..o se gli piace….! io già fatto.(wiki ,no il c..o….)
    ciao belli!

  9. ma invece che sharare=condividere (viceversa) questi “virali”.. x chè ogni simpatico che vuole sorridere a votareil meno brutto lo fa,SOLO dopo aver donato qualcosa a wiki..uno degli strumenti cultura piu’ utili?
    dopo puo votarmi anche il mio c..o se gli piace….! io già fatto.(wiki ,no il c..o….)
    ciao belli!

  10. @ Andrea “Bruno” Brunato:
    Hai perfettamente ragione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>