La crisi in Grecia si segue su Twitter e Youtube

di Redazione Commenta

Spread the love

Da quando i Social Media hanno ampliato il modo di vedere il mondo, è stato possibile assistere a un veloce meccanismo di accesso a qualunque genere di informazione, testuale o video, in tempo reale.

Così, se su Twitter, proprio nel momento in cui stava accadendo, sotto i nostri occhi, il disastro in Abruzzo, si potevano leggere messaggi d’aiuto della popolazione colpita – quella che aveva ancora la possibilità di collegarsi a Internet, almeno – semplicemente accedendo al proprio profilo, anche oggi, è possibile visualizzare su YouTube e sui Social Network,  Twitter ancora una volta il più efficace, ciò che accade nel mondo, che succeda a pochi passi da noi o lontano mille miglia.  In questo caso la situazione calda in Grecia,attizzata dal fuoco della paura e della crisi dilagante.

La crisi della Grecia, che sta portando a scontri sempre più violenti, può essere seguita non solo durante i Tg, che coprono una percentuale bassissima dell’informazione effettiva che arriva da quel fronte caldo, ma soprattutto tramite i video che vengono postati su YouTube, intensificando la sensazione che tutto si può sapere, tutto può esser visto, tutto può arrivare a noi senza nessun filtro.  Il filo sottile che lega l’informazione dal reportage è stato spezzato proprio dai Social Media, che collegano e legano, intensificano, aggiornano. Aggirando il sistema che non inquadra le situazioni mondiali nel loro reale divenire.

Le immagini che arrivano dalla Grecia sono crude, violente. Lo scenario sembra quello di una guerra – maschere antigas, fuoco, risse per strada – e non lasciano presagire nulla di buono. Tutto quello che accade può essere semplicemente seguito grazie a un update di status su un Social Network qualsiasi, da parte di chi si trova lì, di chi ha visto e continua a vedere la morte intorno, ma ha ancora la forza di renderne conto al mondo con un click.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>