Badoo: accusa di spam “nascosto”

di Redazione Commenta

Il social network che prima di Facebook era considerato tra i maggiori con oltre 20 milioni di utenti registrati (che sono diventati 5 milioni di utilizzatori), si trova in questi giorni sotto accusa da molti utenti. Con un pulsante rosso che è stato inserito nel nuovo layout del social network fotografico Badoo, si è riscontrato che automaticamente il server comincia a mandare una serie di e-mail che avviano la question di generare un traffico maggiore sul portale. Secondo i rumors, questa, sarebbe una trovata pubblicitaria che vede coinvolti gli stati d’animo di sofferenza a causa della rapida ascesa di Facebook. Di conseguenza, anche se il portale rileva il suo bel quantitativo in milioni di utenti, ed ha una valutazione economica di circa 300 milioni di dollari (stime di Gennaio 2009), per generare maggiore traffico soprattutto dagli utenti iscritti che mancano da un po’ di tempo dal social network è nato questo pulsante rosso.

Ma come funziona questo pulsante rosso? Le persone che sono on line sul social network, possono cliccare su questo pulsante se vogliono trovare altri utenti che sono al momento disponibili per chattare insieme. Ma vediamo come reagisce il server dopo che ci abbiamo cliccato sopra. Badoo, effettua un invio automatico di una serie di messaggi di spam, a persone di un altro sesso che vengono scelte a caso tra gli utenti iscritti. Questo invio avrà come mittente la mail dell’utente che ha cliccato sul tasto rosso. Le e-mail hanno comunque contenuti assurdi, tipo: Angela ci chiede se abbiamo una bella TV o la vogliamo cambiare o ancora Maria ci chiede se siamo tifosi dell’Inter o del Milan. Questi messaggi sono chiaramente fasulli perchè molto spesso senza un senso logico e soprattutto inviati da profili che sono definiti “bot” e cioè automatici. Profili inesistenti con al massimo una fotografia presa da Internet (si riconoscono spesso personaggi famosi con nomi utente assurdi).

Secondo gli internauti una bella trovata di spam…sarà lecito questo intervento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>