Da sabato 6 gennaio Whatsapp a pagamento: arriva la prima bufala del 2018

di Gio Tuzzi Commenta

Catena secondo cui a partire da sabato 6 gennaio Whatsapp a pagamento, con relativi approfondimenti sulla prima bufala del 2018 in distribuzione tramite la stessa app

Come un appuntamento imperdibile, anche nello scorcio iniziale del 2018 stiamo assistendo alla diffusione inevitabile della bufala inerente Whatsapp a pagamento. Secondo le segnalazioni del pubblico, infatti, una nuova catena sta prendendo corpo qui in Italia.

Proviamo ad individuare il testo integrale ed ufficiale della prima bufala 2018 in merito a Whatsapp a pagamento, in modo tale che tutti la possano riconoscere in caso di ricezione, evitando in questo modo di alimentare ulteriormente disinformazione sull’argomento:

“Sabato mattina whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio. Mandalo a dieci persone. “Salve, siamo Andy e Jonh, i direttori di whatsapp. Qualche mese fa vi abbiamo avvertito che da quest’estate whatsapp non sarebbe stato più gratuito; noi facciamo sempre ciò che diciamo, infatti, le comunchiamo che da oggi whatsapp avrá il costo di 1 euro al mese. Se vuole continuare ad utilizzare il suo account gratuitamente invii questo messaggio a 20 contatti nella sua rubrica, se lo farà, le arriverá un sms dal numero: 123#57 e le comunicheranno che whatsapp per LEI è gratis!!! GRAZIE…. e se non ci credete controllate voi stessi sul nostro sito (www.whatsapp.com). ARRIVEDERCI”.

Insomma, al momento non c’è alcun pericolo di dover andare nuovamente incontro a Whatsapp a pagamento, nonostante stia prendendo sempre più corpo la prima bufala di questo 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>