Pericolo Blue Whale nel messaggio Whatsapp: stavolta è tutto vero

di Gio Tuzzi Commenta

Pericolo Blue Whale nel messaggio Whatsapp, ma stavolta è tutto vero come emerso attraverso un servizio durante la trasmissione Le Iene. Ecco alcuni importanti dettagli

Molto spesso dietro messaggi Whatsapp come quelli che stiamo per condividere con voi oggi ci sono le cosiddette bufale e fake news, ma a quanto pare con il Blue Whale non è così. Si tratta di un gioco sviluppatosi su VKontakte, il Facebook russo, che a quanto pare sta facendo numerose vittime tra i bambini in giro per il mondo.

Andiamo ad analizzare più in particolare quanto trapelato in queste ore attraverso il messaggio Whatsapp che ci spiega alcuni concetti del Blue Whale dopo quanto è stato annunciato nel servizio de Le Iene:

“Il Blue Whale è un ” gioco ” macabro, nato in Russia, che poi si è espanso in Brasile, Canada, Francia ed è arrivato anche da noi. Le persone che stanno dietro questo orrore, vengono chiamate Curatori. Le vittime prescelte, sono ragazzini dai 9 ai 17 anni. Il fine, è quello di fargli suicidare, manipolandoli psicologicamente. Questi mostri, fanno credere loro, che la vita è inutile. Li contattano attraverso i Social, e gli danno una serie di regole assurde da seguire. Il gioco dura 50 giorni, l’ ultimo dei quali, si devono suicidare, buttandosi da un palazzo. Il tutto viene ripreso da altri partecipanti e conoscenti del gioco, perché poi i video, vengono inviati. Durante il suicidio, il social della vittima, viene manovrato da queste persone. La prima vittima è stata fatta mettere sulle rotaie di un treno. La regola base, è di non parlarne con i famigliari e di non farsi scoprire. Il simbolo del gioco, è una Balena. Perché la Balena, a volte, si suicida buttandosi nella spiaggia. Le vittime ad oggi, solo in Russia, sono 157. Un altro ” gioco ” è quello di adescare bambine, mandandogli dei messaggi sulla posta, in cui le si incita a diventare come le Winx . Una sorta di ” fatine del fuoco “. Una bambina di 5 anni, è andata in cucina, ha acceso il gas e si è ustionata l’ 80% del corpo. Ho appena visto il servizio a Le Iene. Sono ancora attonita. Condividiamo ogni giorno di tutto. Fate si che questo, che è VERAMENTE IMPORTANTE, arrivi a chiunque. Non tutti guardano il programma, non tutti ne saranno a conoscenza. Pensiamoci noi. E soprattutto non pensiamo mai: “Tanto a me non capita”. A Livorno, a febbraio, un ragazzino si è buttato dal 12º piano. Probabilmente, vittima del Blue Whale. La maggior parte, erano tutti ragazzini attivi, sani e solari. Ma la mente umana, soprattutto quella di un bambino/adolescente, è facilmente manovrabile. Controllate le pagine a cui si iscrivono e se pubblicano balene o qualcosa di strano sui social. Purtroppo internet, è sotto questo punto di vista, una macchina infernale per questi mostri viventi. Non si può controllare tutto. Ma si può informare. CONDIVIDETE. INFORMATEVI. AIUTIAMOCI.”

Insomma, per una volta non siamo al cospetto di una bufala Whatsapp, visto che il Blue Whale è un pericolo effettivo che ha preso piede in Russia e che a quanto pare si sta espandendo anche in altri Paesi. Facciamo tutti molta attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>