La bufala Judith Carmona e i 229 missionari cristiani condannati a morte

di Gio Tuzzi Commenta

Riesaminiamo la bufala Judith Carmona a proposito di 229 missionari cristiani condannati a morte secondo un messaggio in circolazione su Facebook

Facebook

Sta ancora spopolando in questi giorni su Facebook la bufala Judith Carmona, riguardante la presunta minaccia che avrebbe coinvolto di recente 229 missionari cristiani condannati a morte. Si tratta di una catena ormai decennale, con alcuni dettagli che di volta in volta cambiano per essere più credibile.

Proviamo ad analizzare più da vicino la bufala Judith Carmona, concentrandoci sul testo che ancora oggi viaggia parecchio all’interno del social network per quella che è la più classica delle fake news:

“Oggi purtroppo hanno appena confermato questa terribile notizia in questo momento. Puoi corrobenerlo nelle notizie. Che tristezza! Per favore pregate per i 229 missionari cristiani, che sono stati condannati a morte dagli islamici afghani domani pomeriggio. Per favore, puoi trasmettere questo messaggio il prima possibile in modo che molte persone possano pregare. Questo messaggio è stato inviato da JUDITH CARMONA, un missionario di Chihuahua che si trova in Africa.
L’intero pianeta è unito nella preghiera.
Se riesci a inviarlo di nuovo, ti preghiamo di unirci alla preghiera urgente, anche perché il gruppo islamico radicale ha appena preso Quaragosh, la più grande città cristiana in Iraq. Dove ci sono centinaia
Cristiani, donne e bambini che vengono decapitati. Sta chiedendo la copertura della preghiera. Per favore, prendi un minuto e prega per loro. Passa il messaggio a chiunque tu possa.

Abbiamo chiesto la preghiera, per favore passala agli altri”.

Insomma, bufala Judith Carmona bella e buona, visto che ad oggi non c’è alcun riscontro sul fatto che 229 missionari cristiani sarebbero in pericolo di morte dopo essere entrati a contatto con l’ISIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>