Freebar: un nuovo social network italiano

di Francesco Russo 4

Quotidianamente nascono una serie illimitata di servizi internet che permettono iscrizione e condivisione di materiali tra gli utenti on line. Oggi andiamo a visionare in dettaglio un social network made in Italy. Il sito in questione si chiama Freebar ed è disponibile all’indirizzo www.freebar.com. A realizzarlo è la Nealab Technologies, un’azienda italiana che si occupa della gestione dei portali ad alto traffico e che gestisce gli interessi commerciali della Freebar. Ad oggi il sito, sembra essere frequentato in maniera interessante, infatti i numeri diffusi parlano di circa 650.000 utenti che interagiscono in Paesi delle 7 interfacce linguistiche. Freebar nasce nel 2003 dall’idea di Stefano Pochet e Fabrizio Barbato, due ragazzi napoletani con la passione per la rete che creano inizialmente questa community di iscritti interessati alla vita notturna napoletana.
Già dal 2005, i ragazzi realizzando servizi fotografici in giro per i locali, comincia ad essere presa in considerazione da alcune testate giornalistiche che fanno promozione al network. Lo step importante è quello che avviene nel 2007, quando a seguito di nuova visione e prospettive e con l’aiuto di altri collaboratori, creano la community web che attualmente è on line. Una volta creata la propria azienda legalmente, la Nealab cominciano così a curare anche gli interessi commerciali e pubblicitari della propria community.
Ad oggi Freebar, è una piattaforma di social networking completa made in Italy che permette nel rispetto del filone del Web 2.0, l’utilizzo di opzioni come il profilo, la condivisione di foto, video, note e links, ecc. Qualcosa che salta all’occhio è sicuramente il regolamento di questo social network: minimalista e concreto. Parliamo infatti di regole semplici, come il non inviare messaggi di massa, o spam o fare promozione tra gli utenti, ma basarsi sui rapporti di amicizia…probabilmente come dovrebbero funzionare tutti i social network.

Un progetto interessante Made in Italy e sviluppato da due giovani che hanno avviato il loro progetto per passione, facendolo diventare un lavoro a tempo pieno.

Commenti (4)

  1. Segnalo errore:
    “Il sito in gestione si chiama Freebar ed è disponibile all’indirizzo http://www.freevar.com

    freevar non esiste 😉

  2. segnalo http://www.pjoon.com
    un social network italiano, che si differenzia parecchio dagli altri

  3. mi ricolgo allo staff di freebar non si caposce che all’iscrizione correttamente eseguita da me e da altre 6 persone ,ti ciene detto inviata conferma alla mail immessa , aspetti 2 ore poi 6 poi rinvii la richiesta conferma mai e ti viene su scritto la mail di conferma è stata spedita alla sua mail aspetti l’indomani ricontrolli tutto ma nienye provi 2 a volte 3 giorni ma alla tua mail immessa all’iscrizione di freebar non arriva nessuna email per cui non riesci ad scriveti , prego lo staff di freebar di darci una motivazione un suggerimento x sbloccare questa assurda situazione
    nella attesa distinti saluri
    LORENZ

  4. Non mi apre la pagina Freebar.com, cosa fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>