Bufala Whatsapp sul pericolo AIDS tramite Coca Cola

di Gio Tuzzi Commenta

Bufala Whatsapp sul pericolo AIDS tramite Coca Cola, visto che ad oggi non c'è alcun riscontro alle spalle dell'ennesima catena. Ecco maggiori dettagli sulla vicenda

Immagine del logo di WhatsApp e della doppia spunta blu

Torna un altro tormentone per quanto riguarda il mondo che ci propone una bufala Whatsapp a settimana, stavolta in riferimento al presunto pericolo che si corre bevendo Coca Cola. Nello specifico, la fake news prende corpo grazie ad un presunto dipendente infetto che avrebbe aggiunto il suo sangue alla bevanda nonostante fosse colpito da HIV.

Insomma, la bufala Whatsapp in questo caso mira a creare di nuovo allarmismo sul tema AIDS, ma a quanto pare si tratta di una notizia senza alcun fondamento, senza dimenticare che il virus HIV non si trasmette così. Ecco il messaggio falso:

“C’è notizia dalla polizia. È un messaggio urgente per tutti. Per i prossimi giorni non bevi nessun prodotto della Coca Cola, come la coda nera, il fioravanti di succhi, lo sprite ecc. Un lavoratore aziendale ha aggiunto il suo sangue contaminato da AIDS. . Vedi MDTV. Si prega di inviare questo messaggio a tutti gli utenti della tua lista. REPETIR: Messaggio importante dalla polizia metropolitana a tutti i cittadini
Per le prossime settimane, non bevi alcun prodotto COCA COLA, in quanto un lavoratore della società ha aggiunto il suo sangue contaminato da HIV (AIDS). E ‘stato mostrato ieri in Sky News. Invia questo messaggio alle persone che ti interessano”.

Insomma, se vi piace la Coca Cola potete continuare a bere le bevanda tranquillamente, trattandosi di una fake news a tutti gli effetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>