Bufala Whatsapp scaduto anche ad inizio maggio 2017

di Gio Tuzzi Commenta

Bufala Whatsapp scaduto anche ad inizio maggio 2017, con alcuni chiarimenti doverosi per chi dovesse ricevere un messaggio di questo tipo. Ecco quanto trapelato

Ennesima bufala Whatsapp di questa stagione primaverile. Questa volta tutto verte attorno al concetto di Whatsapp scaduto, con un falso messaggio che invita gli utenti a cliccare su un link che in realtà potrebbe potarci ad un malware. Insomma, grande attenzione.

Qui di seguito possiamo prendere in esame il senso del messaggio che molti utenti affermano di aver ricevuto nel corso degli ultimi giorni proprio attraverso Whatsapp, con la notizia riportata da sostenitori.info:

“Ennesima truffa segnalata dalla pagina Facebook “Una vita da social”, il servizio della Polizia di Stato nato con l’obiettivo di informare gli utenti più “disattenti

Il testo è lapidario: “Attenzione! Il tuo account WhatsApp Messenger è scaduto. La registrazione non e stata rinnovata scade entro 24 ore, Clicca qui. 2017 whatsapp.com All rights reserved”.

I più disattenti cliccano, e in pochi secondi si fanno rubare importanti dati sensibili.

Si tratta ovviamente dell’ennesima truffa. Il link presente nella mail indirizza a una serie di servizi a pagamento in cui vengono chiesti i dati della carta di credito.

La raccomandazione è sempre la stessa: attenzione a questo tipo di messaggi, anche quelli che all’apparenza sembrano provenire da pagine ufficiali.

Ad avvertire gli utenti è come spesso succede la pagina Facebook «Una vita da social», il servizio della Polizia di Stato nato con l’obiettivo di combattere la violenza, il bullismo e per informare gli utenti su eventuali truffe e bufale, sempre più presenti all’interno dei social network”.

Insomma, occhio alla bufala di Whatsapp scaduto, in quanto dai vertici dell’app al momento non giungono informazioni di questo tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>