Bufala buono Decathlon e minaccia AIDS tramite Coca Cola: le ultime da Whatsapp

di Gio Tuzzi Commenta

Bufala buono Decathlon e minaccia AIDS tramite Coca Cola, stando alle ultime catene che hanno preso piede come al solito su Whatsapp. Ecco la replica della Polizia Postale

Stanno girando parecchio su Whatsapp due vere e proprie bufale di natura differente, a partire dal buono Decathlon da 250 euro che richiede la solita compilazione di un questionario, fino ad arrivare alla presunta minaccia riguardante la Coca Cola, dopo che un dipendente avrebbe lasciato tracce del suo sangue infetto da HIV.

Su entrambe si è espressa in queste ore la Polizia Postale attraverso la propria pagina Facebook, che a proposito del buono Decathlon da 250 euro ha dichiarato quanto segue sul social network:

#DECATHLON. La truffa colpisce gli sportivi. Come ormai avviene per molti brand o grandi catene di distribuzione, anche Decathlon è oggetto di truffa attraverso falsi buoni spesa. In rete nessuno regala nulla. Diffidate anche se il mittente è attendibile. #essercisempre“.

Per quanto riguarda la bufala Whatsapp riguardante il tema Coca Cola e la presunta minaccia di contrarre HIV, il messaggio ufficiale è stato altrettanto chiaro:

“BUFALA ALLA #COCACOLA. Svariate segnalazioni ci portano alla nostra attenzione questo messaggio che se pur allarmante risulta privo di ogni fondamento. Cerchiamo di valutare quali messaggi condividere e quali cestinare. Con un minimo di buon senso possiamo limitare questo fenomeno. #essercisempre“.

Insomma, come sempre evitate di alimentare queste bufale e, possibilmente, avvertite chi vi manda messaggi con il buono Decathlon o la falsa minaccia Coca Cola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>